Cafè Society di Woody Allen disponibile Primo Trailer Ufficiale Italiano

396

Sarà sugli schermi il 29 Settembre prossimo film di Woody Allen Cafè Society e il primo trailer è già disponibile per il pubblico italiano.

Dopo gli applausi ricevuti al Festival di Cannes c’è trepidante attesa per il film del regista ottantenne, che per questa opera ha convocato un cast di tutto rispetto, Jeannie Berlin, Steve Carell, Jesse Eisenberg, Blake Lively, Parker Posey, Kristen Stewart, Corey Stoll e Ken Stott, ambientando la sua storia negli anni 30.

Il protagonista, Bobby Dorfman, è un giovane ebreo interpretato da Jesse Eisenberg che si trasferisce dal Bronx a Hollywood, per tentare di lavorare nel mondo del cinema,insieme allo zio.

Nella dorata città della celluloide fa la conoscenza di un mondo diverso, pieno di contraddizioni, di personaggi infelici, perchè vittime di amori mai o troppo vissuti, esistenze patinate sotto le quali si cela una profonda malinconia e una tristezza che serpeggia in tutto il film.

Bobby prova a lavorare con lo zio, agente delle star cinematografiche, si innamora non ricambiato della sua segretaria, che lo liquida non appena lo zio divorzia, diventando disponibile, e rientra quindi mestamente a New York dove rimane travolto dalla vita dei locali notturni, il fratello infatti ne gestisce uno, e da loschi personaggi della malavita.

Da sempre attirato dai magici anni ruggenti il regista ha dipinto una storia velata di malinconia, e romanticismo, dove il giovane Bobby cresce e matura, passando da una riottosa famiglia ebrea del Bronx, alle disillusioni d’amore di Hollywood, per finire nella caotica New York dei locali alla moda e dei gangster.

Cafè Society è un quadro sul cui sfondo campeggiano i miti da sempre ispirazione di Woody Allen, che non perde mai occasione di citarli, anche semplicemente tratteggiando i suoi protagonisti con le sembianze delle figure di Clark Gable o Cary Grant; su tutto aleggia una frase, chiaramente espressione del regista che dà la chiave di lettura del film e nel contempo anche della sua visione della vita:  ”La vita è una commedia scritta da un autore sadico”, una visione disincantata, realista, matura, come solo lui può permettersi di fare.