Emmy Awards 2016, Game of Thrones trionfa su tutti

239

La serie più amata degli ultimi anni domina in maniera assoluta l’edizione degli Emmy Awards 2016, portando  a casa i premi più importanti della serata.

.Emmy Awards 2016, Game of Thrones un trionfo senza precedenti

Una delle saghe più amate di telespettatori ha portato a casa ben 12 premi Emmy Awards nelle categorie più importanti, Migliore Serie Drammatica, Miglior Regia, e Migliore sceneggiatura per l’episodio Battle of the Bastards.

Il successo della serata segue quello dello scorso anno, dove GOT divenne la serie a vincere il numero di maggior premi in una sola stagione di programmazione, e le conferisce il titolo di Serie Televisiva con il maggior numero di premi, ben 38 statuette all’attivo, una in più del precedente detentore del titolo Frasier.

L’attesa per la settima stagione è spasmodica, e quando sono stati interpellati da Variety dietro le quinte, gli sceneggiatori  D.B. Weiss e David Benioff ha dichiarato che  – sarà ancora più grande, a volte migliore, a volte peggiore, ma spesso migliore. – 

E alla domanda sulla possibilità di avere uno spinoff o un sequel al termine dell’ultima serie hanno entrambi glissato, suggerendo di riproporre la domanda a George R. R. Martin autore della serie, il che tacitamente implica il loro abbandono, – E ‘un grande mondo, sono sicuro che ci saranno altre serie ambientata a Westeros, ma per noi, per il momento è tutto.

Un sequel e uno spinoff nei programmi degli autori

Chiamato quindi in causa Martin ha affermato che ci potrebbe essere una possibilità per n’altra serie nello svolgersi della storia, dichiarando, – io ho migliaia di pagine di storie abbozzate di tutto ciò che ha portato fino a questo punto ‘Game of Thrones …’ C’è molto materiale  e io ne sto scrivendo altro. Ma per ora abbiamo ancora due stagioni per completare e ho ancora due libri da sceneggiare , quindi è tutto molto aleatorio. – 

Se dal lato sceneggiatura e produzione la serie ha brillato, non così bene è andata ai protagonisti, Peter Dinklage, Kit Harington, Emilia Clarke, Lena Headey, e Maisie Williams, che pur avendo ottenuto una nomination, sono stati battuti sul filo di lana da Maggie Smith e Ben Mendelsohn.