Quattro Notti di uno Straniero: film sperimentale in bianco e nero. Febbraio 2013

46

Il 14 febbraio 2013 è uscito al cinema il film “Quattro Notti di uno Straniero”: film sperimentale in bianco e nero, diretto dal regista e fotografo Fabrizio Ferraro.

Il film si ispira al romanzo breve “Le Notti Bianche” scritto da Fëdor Dostoevskji.
“Quattro Notti di uno Straniero” è un film che sperimenta appunto nuove forme di linguaggio cinematografico, descrivendo le giornate (quattro, come recita il titolo) di due persone straniere in giro per Parigi. Come tutti i registi d’ avanguardia, anche Fabrizio Ferraro mostra una Parigi in bianco e nero, d’ altronde lui, oltre che regista, è anche un fotografo e lo si nota dai pochi dialoghi presenti nel film e dalle inquadrature fisse, quasi kubrickiane, con carrellate e zoomate lentissime. Anche i protagonisti del film, quasi sempre muti, vengono perlopiù ripresi di spalle, come il pubblico di una mostra fotografica.

“Quattro Notti di uno Straniero” è un tipico film d’autore, sperimentale, con stupende immagini, idealmente diviso in quattro atti, ognuno intitolato come i versi del poeta espressionista austriaco Georg Trakl.

Trama film “Quattro Notti di uno Straniero”

Due persone (interpretate da Marco Teti e Caterina Gueli Rojo) vagano in giro per Parigi, ognuna da sola, per conto proprio, in silenzio, guardandosi in giro e godendosi ogni momento, fermandosi davanti ad ogni cosa che ritengono interessante, come per assaporarne la qualità. Ogni giorno queste due persone si incontrano, si guardano, si scrutano: sono amanti, ma non riescono a rimanere insieme. Ognuno vive la sua vita e continua a fare le cose di sempre, come andare ad un corso di lingue (la scena più parlata del film) o osservare il panorama citttadino, o danzare o andare a trovare gli amici. Forse, alla fine, si rincontreranno per rimanere sempre insieme, o forse no. Quale sarà il loro destino?

Trailer film “Quattro Notti di uno Straniero”

(Qualora il Video-Trailer del film “Quattro Notti di uno Straniero” non fosse visibile, potete segnalarlo riportando il link dell’ articolo e scrivendo a: redazioneioblog@gmail.com
Provvederemo a sostituire il video-trailer del film)