Recensione film Le 5 Leggende: gli Avengers dei bambini e dell’ infanzia

74

Il film d’ animazione Le 5 Leggende in 3D diretto dal regista Peter Ramsey è uscito al cinema il 29 Novembre 2012.

Nel film, le più famose figure del folkrore mondiale (Babbo Natale, la Fatina dei Dentini, il Coniglio di Pasqua e Sandman) si uniscono per affrontare la minaccia rappresentata dall’ Uomo Nero. La trama del film è abbastanza lineare, ma di solito le cose grandi nascono dal molto piccolo… e questo film Le 5 Leggende ne è la dimostrazione: questa volta la Dreamworks ha fatto centro, e sotto l’ albero di Natale ha confezionato un film che mescola sapientemente azione ed umorismo, ma riesce a dare anche un solido messaggio: “trovate il vostro centro”, cioè lo scopo che ci muove nella vita.

E’ questo il perno del film Le 5 Leggende, e sopratutto il chiodo fisso del personaggio di Jack Frost: neo Guardiano, che non riesce a capire il perchè sia stato insignito del pregiato titolo di Guardiano dell’ Infanzia. Jack Frost non ha mai capito e continua a non capire perchè il misterioso Uomo della Luna lo abbia fatto tornare in vita e gli abbia conferito il potere di ghiacciare tutto ciò che vuole, e vuole scoprirlo ad ogni costo. Ad aiutarlo in questo suo particolare percorso di formazione ci sono i suoi “colleghi” Guardiani, che lo sostengono e gli danno fiducia, sia per accettare il suo nuovo ruolo sia per aiutarlo in questa sua crescita.

Oltre alla storia, che come già detto è di una fattura di rara bellezza, un ulteriore contributo è dato dagli scenari spettacolari ricreati nel film Le 5 Leggende, partendo dal castello di Babbo Natale, mastodontico e modellato sui palazzi dell’ Est Europa, più precisamente sull’ architettura russa, dato che questa versione di Babbo Natale è molto vicina al San Nicola delle leggende russe. C’è poi la dimora della Fatina che ricorda, con i colori e le forme, l’ architettura orientale, mentre la tana del Coniglio ricorda in tutto e per tutto l’ Isola di Pasqua (coniglio di Pasqua e isola di Paqua!), con tanto di uova di pietra semoventi che ricordano molto i leggendari volti scolpiti dell’isola.

Una nota di merito va anche ai movimenti impressi dagli animatori alla sabbia dorata di Sandman, capace di creare infiniti oggetti o animali, persino enormi dinosauri o fruste per combattere il perfido Uomo Nero.

Riguardo ai personaggi del film Le 5 Leggende, a mio parere la parte del leone la fanno il Coniglio di Pasqua e L’ Uomo Nero. Il primo è un tenero coniglio Pasquale con un tocco alla Crocodile Dundee: largo uso di esclamazioni richiamanti l’Australia (paese d’origine dell’ attore Hugh Jackman che ha doppiato il personaggio nella versione originale del film) oltre all’ utilizzo dei boomerang come arma offensiva per un coniglio esperto di kung fu ma anche spassosissimo. Ma il mio preferito (sarà perchè prediligo i cattivi!) rimane l’Uomo Nero: un personaggio viscido, sinuoso, manipolatore ma anche spietato e crudele, con una risata che, almeno per quanto mi riguarda, fa gelare il sangue nelle vene.

Il film Le 5 Leggende è stato paragonato con gli Avengers: i personaggi del film sono in tutto e per tutto gli Avengers dell’ infanzia, i supereroi a cui da piccoli credevamo, e che come in un sogno che si realizza si uniscono per affrontare il cattivo per eccellenza dei bambini. Le analogie con il film The Avengers di Joss Whedon ci sono: si tratta comunque di due film diversi, ma il paragone è calzante.

In conclusione, il film Le 5 Leggende è un film d’ animazione che può essere affiancato, a mio parere, ad altri film come Up o Wall-E perché, come i film citati, regala divertimento ed emozioni ma diffonde anche un messaggio di crescita che tutti dovremmo interiorizzare, perchè tutti dobbiamo cercare il nostro “centro”.

(Articolo a cura di: Doc Hollywood)