Sciopero tra gli attori del porno a Los Angeles

21

Chi l’avrebbe mai detto che anche gli attori del film porno avrebbero mai scioperato? Ebbene sì, l’industria pornografica ha deciso di proclamare sciopero in seguito alla nuova proposta di legge che permette di denunciare chiunque venga sorpreso in un film, sprovvisto di protezione ovvero del preservativo.

Il CEO della AIDS Healthcare Foundation, Michael Weinstein, ha deciso di avanzare così con la “Prop 60“. Ora, attori ed attrici sono scesi per strada perché non sono assolutamente d’accordo con questa proposta di legge. Difatti, proprio questa potrebbe trasformarsi in un’arma a doppio taglio: da una parte, difatti, i performer potrebbero essere criticati e tutti gli spettatori potrebbero entrare in possesso del nome e cognome della persona per denunciarla.

La misura, che ha lo scopo di limitare la diffusione dell’HIV sui set dei film porno, mette in difficoltà gli attori che, solitamente, fanno affidamento sull’anonimato. Oltre agli attori, a schierarsi contro a questa legge “assurda” per gli stessi, vi è il Los Angeles Times che sostiene  che rischia di mettere in difficoltà l’industria pornografica che porta milioni e milioni di dollari alla contea di Los Angeles.

Come andrà a finire?